;
Clicca sul tasto qua sotto per conoscerci meglio!



Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo per aprire il file audio

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite
iTunes iscrivendosi al podcast.
Per tutte le opzioni di ascolto cliccare qua sotto.

Come ascoltare i messaggi

27 agosto 2017

Voglio questo amore

Dove trovi rifugio quando ti senti in pericolo? Sappi che c'è qualcuno che non si dimenticherà mai di te, e sarà lì proprio quando la battaglia si fa dura.
---

La settimana scorsa abbiamo parlato di fede, di quella fede che crede non perché segue la logica, ma perché cerca  il cuore di Dio.

Avevamo commentato Proverbi 3:5-6 traendone questi ammaestramenti:

1. CONFIDA in Dio, rifugiandoti  fra le sue braccia;
2. NON TI APPOGGIARE su quello che come uomo pensi possa accadere,
3. ma RICONOSCILO, sai che Dio è presente anche in quel problema, che non si è dimenticato di te, che è lui in controllo.

E che non risponde alla logica del mondo ma alla quantità di fede che tu poni in Lui.

Perché Dio fa tutto questo per me? Semplicemente, perché mi ama.

TI sei mai fermato, ti sei mai fermata a pensare cosa significhi questo? Cosa significhi l'amore che Dio ha per te?

Per illustrare questo tipo di amore, vorrei leggere assieme una storia  che ho trovato sul blog di un medico che lavora in un grande ospedale: s'intitola “Voglio questo amore”.

“Erano circa 8:30, quando un anziano signore ottantenne è arrivato per rimuovere dei punti di sutura dal pollice della mano. Egli ha dichiarato che aveva fretta perché aveva un appuntamento alle ore 9.00. L'ho fatto accomodare. Sapevo che ci sarebbe voluto più di un'ora prima che qualcuno potesse occuparsi di lui. L'ho visto controllare l' orologio con ansia e ho deciso di controllare la sua ferita perché non ero occupato con un altro paziente. La ferita era guarita bene. Quindi, ho parlato con uno dei medici per rimuovere i punti di sutura. Abbiamo iniziato a conversare mentre mi prendevo cura della sua ferita. Gli ho chiesto se avesse un altro appuntamento medico dopo, dato che aveva molta fretta. Il signore mi ha detto di no e ha risposto che doveva andare alla casa di cura per far colazione con sua moglie. Mi ha detto che sua moglie si trovava nella casa di cura da un po di tempo, poiché era affetta dal morbo di Alzheimer. Gli ho chiesto se la moglie si sarebbe preoccupata se fosse stato un po in ritardo. Mi ha risposto che lei non lo riconosceva più già da cinque anni, e che anzi lo tratta male e qualche volta si rifiuta di parlargli Allora, ho esclamato: "E ancora vai ogni mattina, anche se lei non sa chi sei?" Lui ha sorriso, mi ha accarezzato la mano e ha detto: "Lei non mi conosce, ma io so ancora chi è...e la amo lo stesso. Forse la amo più adesso di quando ci siamo messi assieme". Ho avuto la pelle d'oca, e ho pensato: "Questo è il genere di amore che voglio nella mia vita".”


Sfortunatamente, il medico non è credente, perché se lo fosse, quel tipo di amore che cerca, lo avrebbe già trovato.

Come credenti, siamo grandemente benedetti, perché non possiamo impedire in alcun modo a Dio di amarci.

Possiamo rattristarlo, ma non possiamo deluderlo, perché sa come siamo fatti.

Possiamo farlo arrabbiare, ma non possiamo fargli smettere di amarci.

Così come l'anziano sposo continuava ad amare la moglie, continuava a visitarla e ad aiutala, nonostante non lo riconoscesse più e lo trattasse male, allo stesso modo è Dio.

Il problema è che Dio è come il marito... ed io sono come la moglie ammalata... mi dimentico spesso di questo tipo di amore.

Chi mi conosce bene, sa che sotto l'apparenza di un pastore calmo e equilibrato, si nasconde l'animo di un vulcano in perenne pericolo di esplodere.

Negli anni passati assieme al Signore ho imparato a dominare  (quasi sempre) questa mia natura “esplosiva”.

Non dico che con mi arrabbio più... anzi,  per alcune cose sono forse più impaziente ora di allora. Sono molte le cose che mi fanno “bollire” il sangue: l'egoismo della gente, il razzismo, la cattiveria, l'ingiustizia... soprattutto quella.

Ma nel tempo ho messo a punto alcuni “antidoti” alla rabbia; il maggiore di questi è la lettura della Bibbia,  ed in particolar modo dei Salmi.

All'inizio di questo anno vi avevo detto che il Salmo 42 era il mio salmo di “reset” nei momenti difficili.

Il Salmo 121 è quello che uso invece  quando mi dimentico che Dio è in controllo, che qualsiasi cosa accada  io sono al centro del suo amore Leggiamolo assieme:

“Alzo gli occhi verso i monti... Da dove mi verrà l’aiuto? Il mio aiuto viene dal Signore, che ha fatto il cielo e la terra. Egli non permetterà che il tuo piede vacilli; colui che ti protegge non sonnecchierà. Ecco, colui che protegge Israele non sonnecchierà né dormirà. Il Signore è colui che ti protegge; il Signore è la tua ombra; egli sta alla tua destra.  Di giorno il sole non ti colpirà, né la luna di notte.  Il Signore ti preserverà da ogni male; egli proteggerà l’anima tua.  Il Signore ti proteggerà, quando esci e quando entri, ora e sempre. (Salmo 121:1-8)

“Da dove mi verrà l’aiuto?”

Mi piace, perché comincia proprio da dove spesso sono io: giro gli occhi intorno,  e quello che vedo, la situazione attorno, sono come montagne che mi circondano e mi sovrastano, ed io sono al centro. Da quelle alture i nemici mi possono colpire indisturbati, e io non potrò difendermi.

Ti sei mai trovato lì, in mezzo ad una valle (spesso una valle di lacrime), accerchiato dai monti e dai nemici?

La parola che egli usa in ebraico per aiuto è “aizer”, che proviene dal verbo “azar”, che significa “circondare, cingere”.

Quando sono circondato da qualcosa più alto e più forte di me, quello che mi occorre è qualcosa di ancora più forte, che mi circondi, mi avvolga, come facevo  con i miei figli piccoli  quando avevano un incubo di notte; li cingevo con un braccio,  per dirgli :”Non temere, ci sono qua io”.

“Il mio aiuto viene dal Signore, che ha fatto il cielo e la terra”

Eccolo, l’unico aiuto possibile;  non un semplice muro, ma colui che ha creato quei monti, infinitamente più grande di essi, infinitamente più in alto di essi, ma che non si dimentica di me!

Dio è onnipotente, può fare qualsiasi cosa... quasi... quasi qualsiasi cosa...

“Egli non permetterà che il tuo piede vacilli; colui che ti protegge non sonnecchierà.”

Perché, anche se è onnipotente, ci sono alcune cose che NON può fare: non può mentire, non può smettere di amarti, non può smettere di cercarti...

Il salmo aggiunge altre due cose che dio NON può fare

  • Egli NON può permettere che tu vacilli
  • Egli NON si riposa mai...

neppure per la pennichella pomeridiana.

 “Il Signore è colui che ti protegge; il Signore è la tua ombra; egli sta alla tua destra.”

Un tempo non si viaggiava in macchina, ma a piedi. Le strade non erano posti molto sicuri,
dovevi guardarti le spalle, e dovevi essere pronto ad usare la spada,  o qualsiasi  altra arma con la destra.

Dio è lì con te,  anche quando pensi di essere solo o sola. Sta dietro di te per proteggerti, sta alla tua destra per usare lui le armi...

E questo non avviene “per un po' “... ma sempre! Difatti il salmista aggiunge:

“Di giorno il sole non ti colpirà, né la luna di notte.”

Che sia giorno o che sia notte, tu sarai protetto, sarai protetta... Cosa proteggerà il Signore?

“Il Signore ti preserverà da ogni male; egli proteggerà l’anima tua”

Egli ti preserverà ,  letteralmente in ebraico significa “metterà una guardia”.

Ma più di una volta ho detto, che ai credenti non è riservata una sorte migliore da tutti gli altri.

Si, ci sono liberazioni miracolose, si, ci sono guarigioni miracolose... ma non sempre, perché a Dio interessa non tanto “l'involucro”, il corpo ma ciò che contiene, l'anima.

Anche i credenti si ammalano, anche i credenti (e soprattutto i credenti) vengono perseguitati,
anche i credenti muoiono, ma quello cui puoi star certo, è che il suo amore per te non finirà mai.

Paolo afferma:

“Chi ci separerà dall'amore di Cristo? … Sono convinto che niente potrà mai separarci dal suo amore. Né la morte, né la vita, né gli angeli, né i capi spirituali, né il presente, né il futuro né le potenze demoniache   e neppure le altezze o le profondità, nessuna cosa che Dio ha creato sarà mai capace di separarci dall'amore che Dio ci ha mostrato in Gesù Cristo, nostro Signore! (Romani 8:35a, 38-39 PV)

Com’è la tua vita, in questo momento?  C’è una guerra imminente o possibile che non puoi evitare?  Stai scrutando i monti attorno ad essa perché senti,  o sai che eserciti si stanno ammassando dietro di essi per attaccarti e distruggerti?

Affida  la difesa a Colui  che solo può cingere la tua vita di mura inespugnabili. E’ scritto in Ebrei 12:2

“Teniamo lo sguardo fisso su Gesù, principio e fine della fede, che, in vista della gioia che avrebbe avuto, sopporto la morte della croce, dando scarsa importanza a questa vergogna e si è seduto alla destra del trono di Dio.  (Ebrei 12:2)

Colui che ha in mano la spada che ti difende, si chiama Gesù.

Le parole dell'anziano al medico erano state queste:

“Lei non mi conosce, ma io so ancora chi è...e la amo lo stesso. Forse la amo più adesso di quando ci siamo messi assieme".

Dio ti ha amato attraverso Gesù, e non ha mai smesso di amarti, e non smetterà mai di farlo, qualsiasi cosa accada

"Questo è il genere di amore che voglio nella mia vita" diceva il dottore.

Questo è l'amore con cui ti ha amato Gesù: alza gli occhi, e riconosci che è in lui che puoi trovare l'aiuto.

Preghiamo.


---

GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO



20 agosto 2017

Semi di fede: in chi trovi rifugio?

In chi trovi rifugio quando i tuoi problemi sembrano sovrastarti? Nella tua logica, nel modo.. o in un Dio grande e buono?
---

Durante le mie ferie ho letto un libro edito da Compassion, dove sono racchiuse 58 meditazioni che parlano della povertà, e dell'aiuto che possiamo dare ai poveri, ma soprattutto dell'aiuto che i poveri già ricevono attraverso qualcuno più grande di noi.

Vorrei condividere con voi una meditazione scritta da Wess Stafford che in passato è stato presidente di Compassion:

(Clicca sulle foto per leggere la meditazione)





Il versetto che Stafford ha usato come introduzione al suo racconto è questo:

“Confida nel Signore con tutto il cuore e non ti appoggiare sul tuo discernimento. Riconoscilo in tutte le tue vie ed egli appianerà i tuoi sentieri.” (Proverbi 3:5-6)

Nel versetto ci sono tre verbi principali, che sono usati all'imperativo e stanno ad indicare tre azioni che dobbiamo fare noi.

1. CONFIDA

Il verbo in ebraico è “batach” che significa “affrettarsi verso un rifugio”.

Nella Bibbia sono moltissime le volte che Dio è illustrato come un rifugio. Davide descriveva così Dio

«Il Signore è la mia rocca, la mia fortezza, il mio liberatore; il mio Dio, la mia rupe in cui mi rifugio, il mio scudo, il mio potente salvatore, il mio alto rifugio, il mio asilo. (2 Samuele 22:2-3)

Ciò che ci chiede il Signore non è semplicemente di pregarlo, o di obbedirgli, o di parlare di lui agli altri.

Anche tutto questo, ma una delle cose che brama di più Dio da noi è di vederlo come il solo rifugio,
l'unica cosa a cui rivolgersi per qualsiasi problema, dal più piccolo al più grande.

Quale è la caratteristica di un rifugio? E' nascosto, è sicuro, è lontano. Se mi rifugio nel Signore gli altri non potranno trovarmi e portarmi via dalla sua protezione

2. NON TI APPOGGIARE

Il verbo in egraico è “sha`an” che significa “supportarsi da solo”.

Come uomini tendiamo costantemente ad appoggiarci su noi stessi, a pensare che l'impegno porta sempre alla vittoria.

Molte volte è cosi, ma altre volte la situazione non cambia sia che ci impegniamo o meno.

L'immagine è quella di cercare di appoggiarci su noi stessi; così, invece di riposarci, ci affatichiamo ancora di più

3. RICONOSCILO

In ebraico è “yada`” che è, molto semplicemente, “sapere”.

La Bibbia dice che devo sapere che tutto quello che accade accade perché Dio lo vuole oppure perché Dio lo permette.

Il versetti dice che: se confidiamo, se non ci appoggiamo, se riconosciamo, allora Dio farà una cosa stupenda:

Se facciamo tutto questo, se obbediamo ai tre verbi all'imperativo, il versetto dice che Dio non sarà genericamente contento, ma che agirà in nostro favore Qui viene usato un verbo al futuro, ci mostra cosa accadrà SE noi rispettiamo il suo volere.

4. APPIANERA'

In alcune Bibbie è scritto “dirigerà”.

L'ebraico è “yasha” che significa “rendere qualcosa diritto o liscio

Attenzione, perché il versetto non dice che i nostri sentieri saranno lisci; i sentieri sono sentieri, pieni di buche, di salite, discese e curve.

Ciò che il versetto dice è che DIO farà si che noi li affrontiamo COME SE fossero dritti e lisci.

E' quello che succede nelle auto con gli ammortizzatori, le strade continuano ad avere buche, ma se abbiamo dei buoni ammortizzatori sembrano lisce

Cosa c'entra tutto questo con la storia che abbiamo letto?

Nella storia ci sono due personaggi principali: il missionario(Wess) e l'anziano contadino.

Chi dei due si “appoggia su se stesso”? Wess, il missionario! Colui che ha tanto studiato la Bibbia, e che non crede alle parole del contadino: “Dio è tanto buono... Forse domani pioverà

Lui SA, lui riconosce che Dio è un dio buono, che ammortizza le buche della vita.

Con questo breve messaggio voglio farti riflettere su tre cose.

Stai confidando in Dio, oppure cerchi con la tua logica di far scomparire le buche e le curve dal tuo sentiero?

Ma soprattutto, sei consapevole, riconosci, SAI che tutto quello che accade è voluto da Dio o permesso da Dio, e che nulla sulla terra accade “per caso”?

Se ti affretti verso il rifugio che Dio ha provveduto attraverso Gesù, se non ti appoggi su te stesso,
se sai che Dio è in controllo, allora hai il miglior ammortizzatore possa esistere per qualsiasi tipo di strada.

Questo non significa che non avrai buche, ma che gli ammortizzatori saranno tanto più efficaci quanto più grande saranno le buche sul tuo sentiero.

Una ultima riflessione: il missionario aveva studiato a fondo la Bibbia, il contadino la conosceva appena e appena la leggeva.

Dio non risponde perché abbiamo una laurea in teologia, ma risponde alla quantità di fede il Lui.

Il missionario aveva fede, sapeva che Dio opera miracoli, ma il suo errore è stato fermarsi a guardare il mondo con la logica umana: “non piove da tanto, la terra è riarsa, la gente ha fame”.

Il contadino non si è fermato a guardare il mondo, ma si è concentrato sulla grandezza e, soprattutto, sulla bontà di Dio.

E Dio ama rispondere a coloro che non guardano al mondo, ma guardano a lui.

In qualsiasi difficoltà tu ti trovi,ora o in futuro

1. CONFIDA in Dio, rifugiandoti fra le sue braccia;
2. NON TI APPOGGIARE su quello che come uomo pensi possa accadere,
3. ma RICONOSCILO, sai che Dio è presente anche in quel problema, che non si è dimenticato di te, che è lui in controllo. E che non risponde alla logica del mondo ma alla quantità di fede che tu poni in Lui.


Preghiamo

---

GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO


-->

13 agosto 2017

Abbattere la barriera invisibile

Cosa posso fare come credente per quelle persone di un'altra nazione che  si trovano nel bisogno? Oltre ad offrire il mio aiuto in preghiera e in sostegno, ciò che devo fare è abbattere la barriera invisibile che mi separa da loro, e capire che per Dio non ci sono stranieri, ma figli.
---

"Quando l’acqua dell’otre finì, lei mise il bambino sotto un arboscello. 16 E andò a sedersi di fronte, a distanza di un tiro d’arco, perché diceva: «Che io non veda morire il bambino!» E seduta così di fronte, alzò la voce e pianse." (Genesi 21:15-16)

"La religione pura e senza macchia davanti a Dio e Padre è questa: soccorrere gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni, e conservarsi puri dal mondo." (Giacomo 1:27)


"Imparate a fare il bene; cercate la giustizia, rialzate l’oppresso, fate giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova!" (Isaia 1:27)

"Quando qualche straniero abiterà con voi nel vostro paese, non gli farete torto. Tratterete lo straniero, che abita fra voi, come chi è nato fra voi; tu lo amerai come te stesso; poiché anche voi foste stranieri nel paese d’Egitto. Io sono il Signore vostro Dio." (Levitico 19:33-34)


"“Ci sarà una stessa legge e uno stesso diritto per voi e per lo straniero che soggiorna da voi.”(Numeri 15:16)



---

GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO


Leggi le informazioni sull'uso dei cookies