;
E' la prima volta che entrate nel nostro sito? Allora, lasciate che ci presentiamo!



Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo prescelto

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite iTunes iscrivendosi al podcast.

Per le opzioni di ascolto cliccare su "OPZIONI AUDIO"

25 dicembre 2012

Lo stravagante regalo del Natale

Hai mai ricevuto un regalo, come dire, "stravagante"? Penso che ognuno di noi ne abbia ricevuti svariati, durante la propria vita! E cosa ci hai fatto, con quel regalo "stravagante"? Lo hai gettato, oppure lo hai "riciclato". Ma c'è un regalo "stravagante" che non puoi gettare via, ma che allo stesso tempo devi "riciclare" ad altri... ed è lo stravagante regalo del Natale di Cristo!
---


“Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio” (Giovanni 3:16a)

“Al sesto mese, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città di Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine fidanzata a un uomo chiamato Giuseppe, della casa di Davide; e il nome della vergine era Maria.L'angelo, entrato da lei, disse: «Ti saluto, o favorita dalla grazia; il Signore è con te». (Luca 1:26-28)

“In quel tempo uscì un decreto da parte di Cesare Augusto, che ordinava il censimento di tutto l'impero.Questo fu il primo censimento fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi registrare, ciascuno alla sua città. Dalla Galilea, dalla città di Nazaret, anche Giuseppe salì in Giudea, alla città di Davide chiamata Betlemme, perché era della casa e famiglia di Davide, per farsi registrare con Maria, sua sposa, che era incinta” Mentre erano là, si compì per lei il tempo del parto; ed ella diede alla luce il suo figlio primogenito, lo fasciò, e lo coricò in una mangiatoia, perché non c'era posto per loro nell'albergo.” (Luca 2:1-7)

“Abbiate in voi lo stesso sentimento che è stato anche in Cristo Gesù, il quale, pur essendo in forma di Dio, non considerò l'essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma spogliò se stesso, prendendo forma di servo, divenendo simile agli uomini.” (Filippesi 2:5-7)

Nessun commento: