;
E' la prima volta che entrate nel nostro sito? Allora, lasciate che ci presentiamo!



Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo prescelto

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite iTunes iscrivendosi al podcast.

Per le opzioni di ascolto cliccare su "OPZIONI AUDIO"

02 dicembre 2012

Leggere nella mente di Dio


Come posso far si che leggere la Bibbia non sia solamente un "esercizio", ma qualcosa che mi cambi? Se leggo in profondità, e non in distanza, allora la lettura diventerà un viaggio stupendo che mi porterà a leggere nella mente di Dio, trasformandomi completamente.
---

Quanti sanno fare la “ranocchia”, al lago? La “ranocchia” è prendere un sasso piatto e farlo rimbalzare sulla superficie.

La “ranocchia” illustra bene la maniera di leggere la Bibbia che avevo quando ho iniziato a seguire Gesù;
badavo molto a “quanto” leggevo ma alla fine non mi sembrava di apprendere nulla. Ero come il sasso che rimbalza sulla superficie dell'acqua, ma non entra in profondità. In questo modo la lettura non faceva molto in me ed ero sempre indietro con il mio piano dei lettura della Bibbia in un anno

Paolo dice in Romani:

“Non adattatevi alla mentalità e alle usanze di questo mondo, ma lasciatevi trasformare mediante il rinnovamento della vostra mente” (Romani 12:2a PV) 

Quello che ci dice Dio è “non cercare di 'accomodarti' alle cose come sono nel mondo, perché io voglio trasformare completamente la maniera di vederlo”. La parola che usa Paolo per “trasformare” in greco è "metamorpho", che significa non solo un cambiamento esterno, ma anche interno: il bruco che diviene farfalla, il seme che diventa pianta.

Cosa c'entra tutto questo con l'adorazione?

Cosa c'entrano le mie difficoltà di leggere la Bibbia con l'adorare Dio? Le volte scorse avevamo detto che adorare Dio:
  • è affermare che Dio vale per me: e questo non lo facevamo semplicemente con la nostra voce ma con il nostro modo di vivere, vivendo la nostra vita come un atto di adorazione;
  • è portare la mia vita sotto il trono della sua autorità: allineando la nostra vita alle sue regole e al suo volere, portandola sotto il trono della grazia di Dio 
  • è possibile adorare Dio attraverso il mio corpo: Dio vuole amare il mondo attraverso di me. Per questo ho necessità dello Spirito Santo che mi lavi costantemente;
  • adorare Dio costa: se ci viene “facile”, se non ci costa nulla, probabilmente non stiamo realmente dando adorazione a lui.

Pensare come pensa Dio

Questa volta vogliamo vedere come posso adorare Dio pensando le cose che lui pensa:

Iniziamo rileggendo Romani 12:

“Non adattatevi alla mentalità e alle usanze di questo mondo, ma lasciatevi trasformare mediante il rinnovamento della vostra mente” (Romani 12:2a PV) 

Trasformare è cambiare la natura e il carattere di qualcosa; Dio ti dice “io voglio trasformare la tua natura e il tuo carattere attraverso il rinnovamento della tua mente”. Non vuole cambiare il tuo comportamento ma vuole cambiare il modo in cui pensi, vuole che inizi a pensare le cose che lui pensa. Ma per fare questo, devi conoscere le Scritture, poiché leggere la Bibbia è leggere nella mente di Dio

Leggendo come facevo io, a “ranocchia”, non andavo in profondità e non riuscivo a capire cosa pensasse realmente Dio.

Leggi  in profondità, non in distanza

La maniera con cui leggevo io era “in distanza”; potevo vantarmi di aver letto tanti capitoli, ma non di averci capito qualcosa. Il modo invece che avrei dovuto adottare era “in profondità”; dovevo “immergermi” nella lettura per vedere cosa c'era sotto la superficie.

Voglio spiegarvi cosa succede in noi quando leggiamo “immergendoci” in profondità con un'illustrazione.

Questo è un bicchiere di acqua. E tra l'altro non è nemmeno di acqua bollente, perché spesso, quando leggiamo la Bibbia, arriviamo che non siamo molto “bollenti” per farlo; questa è una bustina di the. Cosa accade quando immergo la bustina una sola volta? Assolutamente niente!
Ma se lascio la bustina per 10:15 minuti, l'acqua assumerà il colore, il sapore e il profumo del the.

(immergi la bustina di the nell'acqua )

L'immagine è abbastanza ovvia: il bicchiere d'acqua è la nostra anima e la busta di the è un pezzo della Scrittura che immergiamo nella nostra anima. Ci concentriamo su di essa, la meditiamo, la facciamo nostra.
Dopo un po' cominciamo ad assorbire il carattere, il sapore e il profumo di Cristo, perché tutto ciò viene fuori dalla sua Parola.

Viaggiare nella Parola

Una delle cose che mi piaceva di più da ragazzo era di prendere la mia macchina, mettere su una cassetta che mi piaceva, e fare delle lunghe passeggiate. Mi piaceva andare lontano da casa, per vedere nuovi posti che erano differenti da quelli dove vivevo ogni giorno,  fermarmi per vedere un bel panorama, fare una foto, spedire una cartolina, e poi si tornava a casa.

Incredibilmente, quello che facevo durante queste mie gite, è esattamente quello che ora faccio quando leggo la Bibbia in profondità.

Sei passi per viaggiare nella Bibbia

1) Fai il pieno

Se il tuo serbatoio non è abbastanza pieno, non andrai moto distante.Questo è vero anche nella vita spirituale. Paolo dice questo:

“E nessuno può conoscere i pensieri di Dio, eccetto lo Spirito che viene da Dio. Ora, il Signore ci ha dato il suo Spirito, che non è lo spirito del mondo, per farci conoscere i doni meravigliosi e gratuiti che egli ci ha dato...Ma l’uomo che non è cristiano non può capire, né accettare le verità che lo Spirito Santo rivela; gli sembrano una pazzia e non le può capire, perché soltanto chi ha lo Spirito Santo dentro di sé può comprendere ciò che lo Spirito intende. Noi cristiani, invece, abbiamo la mente di Cristo.” ( Corinzi 2: 11b-12, 14, 16b PV)

Quello che dice Paolo è che gran parte di quello che è scritto nella Bibbia è impossibile capirlo senza l'aiuto dello Spirito Santo. La prima cosa che faccio dunque quando apro la mia Bibbia per la mia meditazione è quella di pregare per lo Spirito Santo:  “Signore, lo so che senza l'aiuto dello Spirito Santo, tutto quello che leggerò sarà difficile da capire Allora, puoi farmi un pieno di Spirito Santo così da avere orecchie per sentire quello che tu hai da dirmi per la mia vita di oggi?” Avendo pregato questa semplice preghiera, posso aprire la mia Bibbia nella certezza che il Signore stesso mi aiuterà a capirla, semplicemente perché gli l'ho chiesto.

Per cui, la prima cosa che devi fare, è fari il pieno!

2) Scegli il tuo percorso

La seconda cosa da fare, è scegliere il percorso. Quando viaggiavo, qualche volta mi piaceva  fare strade che conoscevo bene e che mi piacevano molto. Altre volte invece mi piaceva esplorare nuove strade, strade dove non ero mai passato.

Per la lettura della Bibbia funziona allo stesso modo: forse vuoi rileggere un brano che conosci bene e che ti piace molto, o forse vuoi iniziare un libro che non hai mai letto nella Bibbia. L'importante è che tu scelga un passo con la consapevolezza che stai per ascoltare la vera voce di Dio.

Paolo dice:

“Tutto ciò che è scritto nella Bibbia è stato ispirato da Dio e serve ad insegnarci la verità, ci convince, ci corregge e ci aiuta a fare ciò che è giusto. In questo modo il credente viene perfezionato e preparato a fare opere buone. (2 Timoteo 3:16-17 PV)

Quando hai scelto la strada, rimani su quella; non cercare vie laterali, tangenziali, o altro,  ma rimanici fino al suo termine. Potresti impiegare qualche giorno, o qualche settimana, ma vedi dove di porta.

Dopo aver riempito il serbatoio e scelto la strada la terza cosa da fare è:

3) Rallenta e goditi il panorama

Le strade che mi piacevano di più, erano le strade con le curve, perché mi obbligavano ad andare più piano, e così potevo gustare meglio ciò che vedevo fuori dal finestrino. Talvolta mi incuriosiva qualcosa, e rallentavo per vedere meglio come era stata costruita una chiesa, oppure dove finiva un fiume.

Se leggi velocemente, è come se tu stessi percorrendo l'autostrada: ti troverai ben presto al casello, e non avrai visto nulla di quello che  c'era attorno. Se rallenti invece sarai attratto dai particolari. Domandati : “Cosa succede negli altri versetti del libro? Cosa mi dice questo passo del carattere di Dio? Cos'è che non ho mai visto nella Bibbia e che invece vedo ora?” Ricordati che leggere la Bibbia non è una competizione, e che Dio non va di fretta per questo, nemmeno tu devi andare di fretta.

Rallenta, e goditi il panorama. Questo ti porterà al quarto passo.

4) Fermati in un punto panoramico 

Quando trovavo un luogo veramente bello, magari indicato da una freccia con su scritto “belvedere”, allora parcheggiavo la macchina, prendevo la mia macchina fotografica, e scendevo per apprezzarlo più da vicino.

Nel leggere la Bibbia accade lo stesso; alcune volte è come se Dio stesse dietro di te e ti battesse sulla spalla dicendo: “Fai attenzione, perché questo passo è importante per te!”.

Può essere un capitolo, un paragrafo, o una frase che ti colpisce in maniera particolare. Fermati allora su quello, scendi, e vai a vedere più da vicino cosa c'è.

Uno dei metodi è quello che si chiama “leggi e enfatizza

Si inizia con un versetto e lo si legge più e più volte. Ogni volta che si legge il versetto, si sottolinea, enfatizzandola una parola diversa; è importante che lo fai a voce alta. E 'il modo più semplice per iniziare a discutere i significati della Scrittura. Puoi farlo anche se è la prima volta che apri una Bibbia. E 'semplice, ma incredibilmente potente. Ogni volta che si enfatizza una parola diversa, si ottiene una diversa prospettiva.

Prendi la prima parte di Colossesi 3:16, per esempio. Il versetto dice:

“La parola di Cristo abiti in voi abbondantemente" (Colossesi 3:16)


  • La prima volta che leggi il versetto, enfatizza la parola “parola"." Ciò significa che è importante di ritenere la Parola di Dio nella tua mente.
  • Enfatizza poi la seconda parola del versetto, "Cristo".Non ti stai soffermando su ciò che un filosofo, un guru, o un conduttore di talk show ha da dirti; ti stai soffermando sulle parole di Cristo!
  • Enfatizza quindi la parola "abiti". La parola "abitare" significa "risiedere in un posto per molto tempo." Abitare non è scorrere velocemente attraverso la Parola di Dio in modo da poter andare avanti con il resto della tua giornata.
  • Enfatizza poi la parola "in"E 'bello avere la parola di Cristo dentro di te!. Puoi mettere versetti della Parola di Dio su un adesivo sul frigo o sul vetro della tua auto, ma non cambieranno la tua vita prima di lasciare che essi penetrino nella tua vita.
  • Quindi concentrati sulla parola "voi". La Bibbia non è solo Parola di Dio per il tuo pastore, per i professori universitari o per qualche tuo leader in chiesa: è la parola di Dio per voi...è per te! La Bibbia è l'istruzione per ogni singolo credente.
  • Infine, sottolinea la parola "abbondantemente".Che cosa significa? Vuol dire l'opposto di scarsamente. In altre parole, significa riccamente, copiosamente, senza parsimonia. Dio non vuole che la sua Parola sia qualcosa di cui c'è scarsità nella tua vita.

Mentre fai questo, tu stai iniziando una conversazione con Dio, mettendo in parole tue i concetti che lui ti ha mostrato in quel passo: “Signore, mi stai dicendo che io posso portare Cristo con me in ogni istante? Vuoi che gli faccia uno spazio dove risieda sempre dentro di me? E' questo quello che mi stai dicendo?".

Questo ci porta al quinto passo

5) Scatta una foto di te stesso

VI avevo detto che portavo con me la macchina fotografica, e che amavo fare istantanee dei posti così da avere un promemoria di dove ero stato e per ricordarmi quello che avevo visto. All'epoca non c'erano macchine così piccole o i cellulari, da poter essere adoperati con una sola mano a breve distanza per fotografare se stessi nel panorama come si fa adesso.

Con la Parola di Dio è la stessa cosa; vogliamo scattare una foto per rammentarci di ciò che abbiamo visto e imparato. La Bibbia dice che la Parola di Dio è sia una lampada che uno specchio per la nostra anima.
Una luce per illuminarci e uno specchio in cui vedere se stessi. Domandati “In questa luce, c'è qualcosa che ora mi è più chiaro e che non avevo visto prima?”. Oppure: “In questo specchio, cosa devo cambiare nella mia vita?”.

Questo ti porta a parlare con Dio, e di guida al sesto passo.

6) Spedisci una cartolina a casa

Qualche volta, nei miei viaggi, trovavo anche il tempo di fermarmi, comperare una cartolina, e scrivere a qualcuno per condividere quello che avevo visto di bello in quel luogo.

Questo è il momento in cui la lettura e la meditazione diventa preghiera. Se come me hai un'agenda dove appunti le tue preghiere, metti anche la data; nel futuro sarà anche una cartolina che ti ricorderà dove sei stato e cosa hai visto, sentito e provato.

Ma è molto di più Se leggi la Bibbia in questo modo, tu permetti a Dio di guidare ANCHE la tua preghiera, pregando ciò che Lui vuole che tu preghi. Questo cambierà in maniera permanente  e irreversibile il tuo modo di essere...proprio come la busta di the ha cambiato in modo permanente e irreversibile il bicchiere d'acqua

(pendi il bicchiere)

Cosa è accaduto? E' accaduto che ora l'acqua ha acquisito il colore, il sapore e l'odore della busta di the.
Ma è accaduta anche un'altra cosa fondamentale: questo non è più un bicchiere d'acqua, ma un bicchiere di the; la sua natura è cambiata in maniera permanente e irreversibile.

Questo è quello che succede alla tua anima quando “la parola di Dio abita in te abbondantemente.
Come la busta ha cambiato l'acqua in the, la Parola di Dio cambierà completamente te stesso (o te stessa).

Non sarai più adattato/adattata alle usanze e ai costumi di questo mondo, ma sarai trasformato/trasformata attraverso il rinnovamento della tua mente. Assorbirai il colore, il sapore, il profumo, l'odore di Cristo Avrai così il carattere di Cristo. La tua vita di preghiera non sarà più relegata in pochi minuti al giorno. Le memorie del tuo “viaggio” invece diventeranno un costante impulso a parlare con Dio durante tutto il giorno.

Una costante, silenziosa, segreta conversazione con Dio: questa è la strada verso l'adorazione e questo è il segreto dell'amicizia con Dio.

1 commento:

Giuseppe Longo ha detto...

Grazie Marco, un messassio chiaro e molto istruttivo. Grazie per averlo condiviso. G.L.